Verso un turismo sostenibile per i paesi del Mediterraneo

Gli Stati che si affacciano sul Mediterraneo e la Comunità europea hanno deciso nel corso della 12ema riunione delle parti contraenti della Convenzione di Barcellona (novembre 2001) di preparare una “Strategia Mediterranea per lo Sviluppo Sostenibile”.
Con questo obiettivo hanno chiesto alla Commissione Mediterranea per lo Sviluppo Sostenibile (MCSD) di sviluppare il progetto. La Seconda Conferenza euro-mediterranea dei ministri per l’ambiente (luglio 2002) ha sostenuto questa iniziativa, annunciata in occasione del Vertice della Terra di Johannesburg (settembre 2002). La Strategia Mediterranea per lo Sviluppo Sostenibile (WSSD) è stata adottata MCSD il 22giugno 2005, ad Atene, e del dai paesi del Mediterraneo nel corso della 14ema riunione delle parti contraenti a Portoroz (Slovenia), nel novembre 2005.
La MSSD si propone di adattare gli impegni internazionali alle condizioni dei paesi del Mediterraneo, per orientare le strategie nazionali per lo sviluppo sostenibile e avviare una partnership dinamica tra le banche dei paesi del Nord, del Sud e dell’Est del Mediterraneo paesi finalizzata a rafforzare la pace, la stabilità e la prosperità della regione.

Esso si concentra su quattro obiettivi:
1. Contribuire a promuovere lo sviluppo economico valorizzando punti di forza del Mediterraneo;
2. Ridurre le disparità sociali attraverso la realizzazione degli Obiettivi del Millennio delle Nazioni Unite e il rafforzamento delle identità culturali;
3. Cambiare modalità di produzione e consumo non sostenibili e garantire  una gestione sostenibile delle risorse naturali;
4. Migliorare la governance a livello locale, nazionale e regionale.

La promozione del turismo sostenibile nel Mediterraneo è stata identificata come una delle sette domini d’azione prioritari declinati in tre obiettivi principali:
1) Ridurre gli impatti negativi territoriali, paesaggistici e ambientali del turismo

Azione 1: Rafforzare l’attuazione delle raccomandazioni sul turismo adottate dalle parti contraenti nel 1999, individuare le buone pratiche e raggiungere entro il 2008 una profonda revisione dei progressi compiuti;
– Azione 2: Promuovere i paesi sulla base di studi di capacità di carico con l’obiettivo di ottenre una migliore distribuzione dei flussi turistici nel tempo e nello spazio.

2) Promuovere i prodotti e le offerte di turismo sostenibile e aumentare il valore aggiunto del turismo per le popolazioni locali
– Azione 3: sviluppare il prima possibile, di concerto con i ministeri competenti, il settore privato, i professionisti del turismo sostenibile e gli investitori, un programma quadro di promozione del Mediterraneo per un periodo di 10 anni che dovrebbero concentrarsi sui punti di forza del patrimonio, culturale e settore ambientale, per creare un “marchio di qualità del turismo mediterraneo.”
– Promuovere un’azione pilota a livello regionale per sostenere l’attuazione di programmi nazionali e locali;
– Azione 4: sviluppare le formule “tourism pay-back” in modo che i turisti contribuiscono a mantenere l’ambiente e il patrimonio culturale del Mediterraneo e lo sviluppo sostenibile delle destinazioni;
– Azione 5: Scoprire la possibilità di creare sistemi di tariffazione dei trasporti, in particolare il trasporto aereo e marittimo per le isole, per contribuire allo sviluppo sostenibile di tali regioni;
– Azione 6: adattare meglio il turismo ai vincoli e alle opportunità offerte dalle aree naturali protette, in particolare al fine di preservare la biodiversità e del patrimonio naturale e culturale nei parchi regionali, riserve della biosfera e aree protette costiere;
– Azione 7: incoraggiare i paesi a promuovere programmi di riqualificazione delle destinazioni dove le strutture ricettive e le altre infrastrutture turistiche sono diventate obsolete o in cui i siti storico-culturali sono in stato di degrado.

3) Migliorare la governance per il turismo sostenibile
– Azione 8: Incoraggiare il coordinamento tra i paesi e gli operatori più importanti a livello regionale per armonizzare le forme di regolamentazione e le sinergie;
– Azione 9: Rafforzare i meccanismi di cooperazione tra le autorità incaricate del turismo e dell’ambiente e la capacità delle autorità locali di gestire lo sviluppo del turismo e promuovere il turismo sostenibile.

Per dare un seguito al WSSD, il programma delle attività del PLAN BLUE dell’UNEP sul turismo sostenibile è stato strutturato in quattro componenti:
– Gestione energetica: trasporto aereo e del turismo nel Mediterraneo
– Crocieristica e diporto nel Mediterraneo: miglioramento della gestione ambientale e sostenibilità delle rotte
– Profili di sostenibilità in alcune destinazioni turistiche del Mediterraneo,
– indicatori di “Turismo” per il monitoraggio della strategia mediterranea per lo sviluppo sostenibile.

Gli studi realizzati nel quadro di questi componenti hanno mostrato che sei anni dopo l’adozione del WSSD, il turismo è ancora lontano dall’aver raggiunto un approccio sostenibile nonostante i buoni segnali.

Partendo dai punti di debolezza riscontrai emergono  due raccomandazioni principali di:
1) Inserire le attività turistiche nell’ambito di “progetti di territorio” alla scala delle destinazioni con l’obiettivo da una parte di arrestare o almeno contenere l’artificializzazione delle zone costiere e di decongestionarle, migliorando nel contempo la qualità del patrimonio naturale e culturale del territorio e, dall’altra, raggiungere gli obiettivi di crescita economica e riduzione della povertà;
2) Coinvolgere le destinazioni ad un processo di “durabilità” attraverso l’adesione ad una Carta basata sulla definizione di specifiche di sostenibilità della destinazione turistica, come primo tempo, e verso un processo di “labelling” delle destinazioni in un secondo tempo. Ciò potrebbe fornire una garanzia di qualità e valore dei prodotti turistici e dei prodotti locali, ed incoraggiare la filiera corta e la fornitura verde e a km0 delle strutture ricettive attraverso i  sistemi produttivi locali.

Sulla base di queste osservazioni, e al fine di dare a queste raccomandazioni un carattere programmatico, il PLAN BLEU ha condotto un lavoro metodologico di riflessione attraverso varie fasi:
Un processo di inventario delle iniziative di labelling e di certificazione di turismo sostenibile, nel Mediterraneo,

Un’analisi delle “carte” per il turismo sostenibile individuate in termini di principi etici e dei valori;
Un workshop con un gruppo di esperti di Turismo nel Mediterraneo (Alberto CAPPATO Jean Chapoutot Mehdi, Alessio SATTA e Ioannis Spilanis). Il gruppo di lavoro ha affrontato e discusso i progressi dei lavori del Blue Plan per la Tourism Sustainability Charter e definito la metodologia per misurare la sostenibilità degli indicatori del turismo utilizzati per monitorare la MSSD che ha dato luogo ai “Profili di Sostenibilità” delle destinazioni turistiche nel Mediterraneo.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...