A breve la Sella del Diavolo sarà più sicura e pienamente fruibile.

pannello del sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo

Martedi 16 ottobre 2012 si è tenuta presso il Comune di Cagliari una riunione illustrativa e operativa per superare le problematiche di sicurezza e consentire una corretta fruizione della Sella del Diavolo.

Convocata e presieduta dal direttore generale del Comune di Cagliari M. Cristina Mancini, alla riunione hanno preso parte vari Assessorati e Servizi dell’Amministrazione comunale (Protezione civile, Lavori pubblici), l’Agenzia della Conservatoria delle coste della Sardegna, l’Università degli Studi di Cagliari (Dipartimento Scienze archeologiche e storico-artistiche), le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, l’associazione Amici di Sardegna, l’Associazione italiana Guide ambientali escursionistiche.

Dopo un’ampia illustrazione delle vicissitudini che hanno portato alla collocazione di transenne e cartelli di “pericolo frane” da parte del Servizio Protezione civile del Comune di Cagliari (vicenda e documentazioni sono qui disponibili), è stata resa nota la (giusta) decisione della Capitaneria di Porto di Cagliari di mantenere in vigore le ordinanze n. 47 e n. 48 del 1987 di divieto di accesso al demanio marittimo fra S. Elia, Cala Mosca, Cala Fighera e Marina Piccola  a causa del pericolo di frane.

Cagliari, Sella del Diavolo, Torre costiera medievale e postazione II guerra mondiale

Nel contempo, è prevista per la settimana prossima la stipula di un protocollo d’intesa fra il Comune di Cagliari e l’Agenzia della Conservatoria delle coste della Sardegna per il posizionamento di cartelli indicativi e monitòri a corredo del sentiero naturalistico e archeologicodella Sella del Diavolo per evitare che incauti escursionisti lo abbandonino e si rechino in zone a rischio per la propria incolumità.

L’individuazione dei punti “a rischio” per l’eventuale accesso a zone pericolose sarà effettuata in collaborazione con le associazioni ecologiste ed escursioniste, che hanno rinnovato la propria disponibilità.

Cagliari, Sella del Diavolo, cartelli

L’effettuazione di escursioni guidate nella fase provvisoria fino al completamento degli interventi sarà a cura e con la responsabilità di guide autorizzate e associazioni ecologiste.  Potrà ripartire anche l’intervento di scavo sul cantiere archeologico sulla sommità della Sella del Diavolo a cura del Dipartimento Scienze archeologiche e storico-artistiche dell’Università degli Studi di Cagliari.

Il complesso delle disposizioni sarà oggetto di specifica ordinanza sindacale da emanare prossimamente, ma fin da subito i contenuti interventi possono essere resi operativi per avere salvaguardia ambientale, sicurezza e una corretta fruizione di uno dei più preziosi gioielli ambientali e storico-culturali del Mediterraneo.

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...